Geometria semovente o autocinetica

  • In Articoli
  • 12-12-2017
  • di Gianni Sarcone e Marie-Jo Waeber
La leggenda racconta che Michelangelo, consapevole del realismo e della forte espressività di una sua opera, la celeberrima scultura del Mosè, un giorno la colpì a martellate urlando: «Perché non parli?».

Ciò che non si muove non ha vita. Il movimento è radicato nella vita, anche se alcuni oggetti si muovono molto rapidamente (come gli elettroni) e altri così lentamente (ad esempio un albero in crescita) che sembrano statici. L'uomo si è sempre interrogato sulla natura del moto.

Anche gli artisti si sono chiesti se era possibile creare l’illusione del movimento con delle immagini geometriche e, per di più, statiche.

Nel corso degli anni sessanta, il movimento Op Art (che sta per Optic Art) inizia a sperimentare disegni e strutture astratte che stimolano il cervello in maniera tale che sembrano muoversi. Questi lavori interessarono, e interessano tuttora, il mondo scientifico per studiare [...]





L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.