Come nascono le bufale e come ci si difende?

Intervista a Stephan Lewandowsky

Professor Lewandowsky, lei è uno scienziato cognitivo all’Università di Bristol, riconosciuto come uno dei massimi esperti sul funzionamento e la diffusione di miti e disinformazione. Nel corso degli ultimi mesi abbiamo assistito a un fenomeno di infodemia in aggiunta alla pandemia di Covid-19. Quali secondo lei sono le caratteristiche di tale infodemia, e perché idee tanto implausibili ci attraggono?

Partirò dalla fine: perché in queste circostanze le persone credono alla disinformazione e alle teorie complottiste? Direi che la spiegazione del fenomeno sia piuttosto accettata: quando le persone sentono di aver perso il controllo sulla propria vita, o hanno paura che ciò possa avvenire, ecco che in alcuni casi diventano suscettibili alla disinformazione, in particolar modo alle teorie del complotto. Il motivo è che, paradoss[...]

L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.