Un incontro presunto e una grande distanza: Dante Alighieri e Marco Polo

  • In Articoli
  • 12-11-2021
  • di Gaspare Polizzi
img
Statua di Dante Alighieri a Firenze. ©Rhodan59 da pixabay
I «favolosi Antipodi»
Dante Alighieri[1], pellegrino in esilio e viaggiatore immaginario ed estatico, in una settimana (dal 24 al 31 marzo 1300) transita dal mondo infernale all’estasi del Paradiso. Il più famoso viaggiatore del suo tempo, Marco Polo, nel 1271, a 17 anni, quando Dante è ancora un bambino, lascia Venezia con lo zio Matteo e il padre Niccolò per attraversare l’Asia e dopo tre anni e mezzo raggiungere la Cina e la corte di Kublai Khan. Marco rimane in Cina per quasi 17 anni, fino al 1292 e torna a Venezia nel 1295. Ma nel 1298-99 viene incarcerato dai Genovesi e in carcere detta a Rustichello da Pisa il Milione, ovvero Le Divisament dou Monde. Questi due magistrali “viaggiatori” si sono mai conosciuti? Hanno mai avuto a che fare l’uno con l’altro?

Dall’estate del 1300 Dante è costretto ad abbandonare [...]


L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.
accessToken: '2206040148.1677ed0.0fda6df7e8ad4d22abe321c59edeb25f',