Fate e bambini: uno studio di psicologia dell'esperienza religiosa

Il Journal for the Study of Religious Experience[1] è pubblicato dall’Alister Hardy Religious Experience Research Center dell’Università del Galles “Trinity Saint David”. Sulle sue pagine, nel n. 1 del 2018 è comparso un saggio[2] dello storico Simon Young, che attualmente lavora per conto dell’Università della Virginia presso l’Università di Siena.

Simon Young ha analizzato un campione di 88 resoconti di presunti incontri con le fate da parte di bambini originari di Paesi anglofoni. Questo campione è stato desunto da una raccolta recente di testimonianze simili, il “Fairy Census”, un’iniziativa condotta fra il 2014 e il 2017 e che in buona misura ha confermato la nozione, ricorrente in letteratura, secondo la quale i bambini e gli adolescenti descriverebbero in misura maggiore delle altre classi di età questo genere di incontri[3]. Il gruppo dei nostri testimoni si presenta sub[...]

L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.